ALLA RISCOSSA
Poesie dopo la tempesta
tratto da di venerdì 1 aprile 1994

Impegno
Compagni alla riscossa
ritorno al manifesto
con la rubrica fissa
e giuro, non mi fermo
finché questa sinistra
non prenderà il governo
Forse raccoglierò
questa rubrica mia
in sedici volumi
di enciclopedia

Un po' di coraggio, signori riciclati
Voi che insultate Craxi
e eravate suoi scherani
che schifate Forlani
e ne foste i maggiordomi,
perché non dite ora
quel che direte a Silvio
quando cadrà in malora?
Ripetete con me:
Berlusconi è un fascista
imbroglione, affarista.
Perché tra qualche anno
quando tutti lo diranno
non sarà più lo stesso
su, ditelo adesso

Il parolaio
Bossi ormai è un caso
unico per la scienza:
l'ha duro a intermittenza

Alleanza nazionale
E quando il ministro
fu in ufficio insediato
ricordò il suo passato,
quella bomba in stazione
il timer, l'esplosione
e sospirò con tristezza:
«Addio, giovinezza»

Dubbio di cittadino forzitalico
Libertà vo' cercando
però non trovo il tasto
sul telecomando


Stefano Benni



Nota del WebMaster
UN «GRAZIE» PER QUESTO ARTICOLO VA A STEFANO GIANOLLA,
FORNITORE UFFICIALE DI MOLTE RARITÀ BENNIANE PRESENTI SU QUESTO SITO.