ALLA RISCOSSA
tratto da di giovedì 30 giugno 1994

Su la testa
Dalla Sardegna
le prime buone nuove:
se vi servono pecore
cercatele altrove.

Finalmente una garanzia
Previti è un ministro
che tra i dossier segreti
a frugar non andrà:
tanto li ha già.

Cosa nostra alla riscossa
Il racket ha ammazzato
un poveretto
che si era ribellato
in quel di Agrigento
nessuno si è turbato
per la nuova teoria
che ogni disobbedienza
è un'anomalia
e se non pagate
elezioni anticipate.

Il regime ha una parola sola
[velina per i giornali in caso di vittoria]
Marchegiani / che pulite hai le mani
Benarrivo / vivace e volitivo
Maldini / modello per Armani
Costacurta / superblindata porta
Apolloni / che dall'Olimpo vieni
Albertini / dai lanci sopraffini
Massaro / a Silvio tanto caro
Berti / gazzella dei deserti
Casiraghi / che quando entri sbraghi
Signori / signor de' giocatori
E tu, divin codino,
dall'occhio sbarazzino
inclito Baggio
più fatal di un sondaggio
tu, che Madonna ama
tu, quasi Maradona
Voi, undici leoni
mai vinti e mai domi
splendida azienda
gioventù stupenda
siete l'italia di Berlusconi!

[Velina in caso di sconfitta]
Marchegiani / che di burro hai le mani
Benarrivo / spento lento e passivo
Maldini / vergogna dei terzini
Costacurta / sei una porta aperta
Apolloni / gonfio di tortellini
Massaro / traditore e somaro
Berti / cammello piedi storti
Casiraghi / che inutilmente vaghi
Signori / a'scemo, dove cori?
E tu, con quel codino,
da frocio mandarino
inutil Baggio
vile senza coraggio
buddista, pacifista
forse anche comunista
Voi, undici chiacchieroni
parassiti, pigroni
svogliata anarchia
nefasta anomalia
siete l'Italia delle opposizioni.


Stefano Benni



Nota del WebMaster
UN «GRAZIE» PER QUESTO ARTICOLO VA A STEFANO GIANOLLA,
FORNITORE UFFICIALE DI MOLTE RARITÀ BENNIANE PRESENTI SU QUESTO SITO.