INCONTRI IN MARE
tratto da di giovedì 10 aprile 1997

INCONTRO UNO
Siamo la corazzata "Indomito" armata con sessanta cannoni Breda-Previti e rappresentiamo la Marina Militare Italiana.
Voi chi siete?
Siamo il peschereccio "Enver" che trasporta una dozzina di marinai albanesi per la pesca della trota adriatica.
Non vi crediamo! Siete almeno seicento , di cui la metà sicuramente mafiosi, e la trota si trova solo nel Tirreno. Perciò avete un minuto di tempo per virare e tornare in patria!
Protestiamo! Ci rivolgeremo a "Stranamore"!
Silenzio! avete trenta secondi per virare davanti a noi!
Profughi si, ma fessi no! Viriamo da dietro.

INCONTRO DUE
Siamo l'incrociatore "Salve Regina". Siamo armati fino ai denti ma sostanzialmente moderati, e chi vi parla è il presidente del consiglio Romano Prodi. Voi chi siete?
Siamo una barca di trecento profughi albanesi e vorremmo entrare in Europa.
Qual è il vostro reddito annuo?
Circa il tre per cento dello stipendio mensile di un dirigente della Banca d'Italia.
Allora tornate indietro, ragazzi. Qua prendiamo solo quelli che possono scucire qualcosa. E poi, com'è il cambio tra il marco e il dinaro albanese?
Tre per uno.
Tre dinari per un marco?
No, tre camion di dinari.
Tornatevene a casa, pezzenti...

INCONTRO TRE
Siamo il battello di ronda "Padania" e l'Adriatico è nostro perché l'ha fatto il Po, siamo armati di un cannoncino da baleniera e abbiamo i bermuda verdi con dentro la sorpresa. Chi siete voi?
Siamo albanesi.
Per Santa Irene! Tutti ai boccaporti! Mollate i pappafichi! Fuoco a volontà!

INCONTRO QUATTRO
Siamo "Budget", lo yacht di Gianni Agnelli, e siamo armati con quaranta mitragliette Armani e un cannone bianco e nero caricato a tappi di Brut. Chi siete voi?
Siamo albanesi.
Cioè, tipo i filippini?
Beh insomma non proprio, però quasi, anzi no...
Allora, i dieci che sanno cucinare il curry o fare le pulizie possono salire a bordo, gli altri per favore tornino a Tirana o Manila o Maputo o quel che è.

INCONTRO CINQUE
Siamo la corazzata "Indomito" armata con sessanta cannoni Previti-Breda e rappresentiamo la Marina Italiana. Voi chi siete?
Siamo una barca di algerini.
Allora non vi conviene tornare in patria: vi sgozzerebbero comunque e non frega niente a nessuno. Vi affondiamo a cannonate o volete che vi speroniamo?
Fa lo stesso. Ma prima possiamo fumare una sigaretta?
Certo, l'ultimo desiderio si concede sempre. Beh allora, cosa aspettate?
Che ci diate le sigarette, cazzo!

INCONTRO SEI
Siamo il gommone di ronda "Eridano", l'Adriatico l'è noster perché è tutta acqua dell'operoso Monviso, siamo armati di randelli e abbiam dei bermuda verdi ripieni al granito. Chi siete voi?
Siamo pescatori siciliani di tonni.
Per Santa Irene! Tutti ai pappafichi! Mollate i boccaporti! Slegate i bossweiler! Fuoco a volontà!

INCONTRO SETTE
Siamo l'incrociatore "San Marco", siamo disarmati perché abbiamo venduto l'artiglieria per entrare in Europa, e io sono il presidente del consiglio Prodi, voi chi siete?
Siamo la barca da gita "Passatore". Portiamo seicento turisti tedeschi in alto mare a mangiare sgombro surgelato e gli scuciamo un centomila a testa.
Voi siete veri patrioti benemeriti della nostra economia! La banda d'Onore sul ponte, anche se abbiamo venduto gli strumenti. Su fate "parapà" con la bocca!
Grazie, presidente. Gradisce un bicchiere d'Albana?
No, grazie, sono già confuso di mio.

INCONTRO OTTO
Siamo la corazzata "Indomito" armata con sessanta cannoni Previti-Breda e rappresentiamo la Marina Italiana. Voi chi siete?
Siamo il sottomarino americano nucleare "Warrior" di stanza alla Maddalena e se non vi togliete dai piedi vi polverizziamo.
Chiedo scusa. Viriamo subito di bordo.
Troppo tardi. Purtroppo il nostro comandante si è innervosito e per errore ha fatto partire un siluro.
Ma è un sopruso! La pagherete! Tutto il mondo saprà!
Certo, come Ustica! Buon bagno, ragazzi...

INCONTRO NOVE
Siamo lo yatch di Gianni Agnelli e siamo Armani con quaranta mitragliette leggere color Blue Admiral, un cannone bianco e nero e duemila caricatori di Campari. Voi chi siete?
Siamo lo yatch da difesa costiera "Savoia" del principe Vittorio Emanuele e se vi avvicinate ancora all'isola privata di Cavallo vi affondiamo.
Ma c'è un equivoco! Vittorio è mio amico, mi faccia parlare con lui.
Mi dispiace avvocato, ma gli ordini sono ordini. Molti di noi sono juventini, ma dobbiamo cannoneggiarla.
Disgraziati, sindacalisti, grossolani! Equipaggio, ai cannoni! Morte al tiranno, libera abbronzatura per tutti!
Avanti Savoia, Juve merda, fuoco a volontà.

INCONTRO DIECI
Siamo la barca da guardia costiera "Etruria" in servizio ridotto per un'agitazione dei marittimi. Voi chi siete?
Siamo una barca con seicento albanesi che vuole entrare in un porto italiano.
Fate pure...
Davvero?
Entrate, entrate. Tanto i traghetti sono in sciopero, non c'è l'autobus, i treni sono fermi e il traffico aeroportuale è diretto in bergamasco, l'unico volo che funziona è il Bergamo-Bangkok. Se sbarcate, rimanete inchiodati sul molo per un mese.
Allora ci consiglia di tornare indietro?
Cazzi suoi. Da tre minuti siamo in sciopero anche noi. Si rivolga ai delfini.

INCONTRO UNDICI
Siamo la guardia costiera albanese. Voi chi siete?
Siamo l'incrociatore "Cortez" che porta il contingente italiano di pace nel vostro paese.
Benvenuti, fratelli italiani!
Benvenuti un cazzo! Ci avete rovinato!
Avete messo in crisi il governo, scatenato l'avidità dell'opposizione, affossato la lira, avete mostrato quanto siamo razzisti, e quanto la nostra politica è misera, avete spettinato Bertinotti e fatto incazzare D'Alema, straparlare Fassino e piangere Berlusconi. Ve la faremo pagare! Passeremo ogni villaggio a fil di spada!
Ma forse bastava che ci accoglieste e basta, come ogni paese civile...
La civiltà non è quotata in Borsa. Perciò aspettatevi il peggio! Vi bombarderemo le paraboliche!
No! Le televisioni, no!
Fuoco con tutti i cannoni! Provocatori! Disfattisti! Mafiosi!

INCONTRO DODICI
Siamo la chiatta di ronda "Padania", l'Adriatico è nostro perché è tutta acqua spremuta al contribuente Po, siamo armati di anguille surgelate e abbiamo i bermuda verdi col paranco. Voi chi siete?
Siamo il traghetto Copenhagen-Malmoe che trasporta cittadini scandinavi, avete sbagliato rotta e siete finiti troppo a nord, tornatevene a casa, terroni!



Stefano Benni