STRAVIDEO
SO’ FELICE, SO’ EUROPEO
tratto da Panorama di lunedì 25 giugno 1979

Dopo la ventata di europeismo che ha investito il paese e la televisione, siamo lieti di offrire ai nostri lettori il primo articolo in europeese: l’europeese è un linguaggio creato da esperti dei paesi della Comunità mescolando elementi delle loro lingue: Spadolini, Craxi, Zanone e gli altri uomini politici di dimensione europea (1,60 d’altezza per 1,60 di larghezza) lo sanno già, o lo stanno già studiando.
Estamo ancora emozionate d’a granda eurovisiona no stop c’ha festeggiato a ’granda eleziona do parlamento europeo ca nu conta’n cazze ma sò quattrocento poste è lavore en cchiù. Dientro alli studi tivvù ce stevano proprio tutte quante: ziornalistas, politicas, cantautores, attores, belas pupas abronzadas, ’a nipota e De Gasperi, a ccugnata e Sturzo, a nonna ’e Zanone o concubbino ’e Claudia e a soreta ’e Grassi.
Todo el paese che c’ha la dimensione europea: cocktail di opinion-makers, happening of leaders, pout-pourri de maîtres à penser, la crème de la presse, la hit-parade dei folk-singers e pure Tamberlich che l’hanno promosso perché tiene lo nome estero (e sennò pecché?). Ce stavano pure ’e bbandiere che sembrava la fiera del magrone, e tutte ’e cartine colorate e pure a Doxa e a Demoskopea che se ffacevane ’e proiezione addosso.
Ce stava Pastore (en français berger) ca s’appicciava co’ tutte quante, ce stava Vespa (en français guepe) c’addiceva abbiamo battuto a tutte quante, abbiame votate all’85 for cento, abbiamo fatto nera la Danimarca e siamo in semifinale. Ce stava pure Fraiese, charmant comme un pomme, ce stava Boncompagno con appresso la Carrà con appresso i suoi boys, ce stavano i Matia Bazar ma chi li fa cantar, ce stava Domenico Bartoli che ppareva nu cane boxer tutto incazzuso assai, pecché ie sonavano a chitarra dietro le spalle e parlavano male ’e Montanelle, e stevano tutti dint’o studio con la targhetta al collo, comme le cagnoline, co’a scritta tiggiuno tiggidue e ce stava puro Martelli co a scritta me chiamo Claudio se me perdo nun me riportate a casa che tanto nun me ce vogliono più.
Ce stava Almirante e ce stava ’a Cinquetti che finalmente c’ha avuto l’età e s’ha sposato o giornalisto Rai e tutti ie fotografaveno insiemo, e ce stava ’a Cardinale che a mezzanotte doveva tornà a ccasa picché sinnò o pupo ie europisciava dint’o lietto alla faccia di Giscard e Brandt, e tutti se raccontavano i fatti loro e ce stava pure Teodoro e ’a Lietta Tornabbuono, ce stava Sandro Paternostro (in english Our-father) ca’ddiceva che i conservatori avevano preso nu’ fottio e seggiole in parlamiento e Moretti ie diceva tu si nu fesse, tu si bbevute troppa whisky c’a proiezione dice tutta n’altra cosa. Ce stava Arrigo Levi che quanno che diceva «Thatcher» sputazzava tutt’intorno pe ffa vede’ che lui a pronuncia inglese a sape bene, ce stava Zanone ca ddiceva ca a prossima elezione facciamo ’o monocolore libberale, ce stava Longo co l’uocchie a ranocchie pecché pe’ vince l’emozione se fa’ sempre nu cannone ’e marijuana a ogni elezzione, ce stava Brandt preoccupate pecché la Zanicchi ancora n’aveva cantate e Craxi intervistate e Marchais incazzate e Rognoni tutt’azzimate che dava li date, e Gaspari che diceva che molti non avevano votate perché era ’na bbella ggiurnate e pure Occhetto ca ddiceva qua qua qua la grande forza del Piccì si ha stabilizzate sul diciassette e tre per cento.
E ce stava pure Scalfari che pareva Giuseppo Garibaldi al museo delle cere di Rimini, e ce stava chilla ca mette le nuvolette co’ Bernacca e Forattino e gli storici europeisti e gli europei storici e tutte e’ bandiere colorate e’nzomma ce siamo sentite tutte quante cuntente e dimane quanno se va a parlà dei contratti e l’Agnelli ce risponde in danese e magari ce licenzia, io vado a ffà il disoccupato in Belgio che la è tutta n’altra cosa. Perché nui simme è meglio: che stanno a dicere, ’a germanizzazione! Na polizia segreta e na magistratura segreta comme qua da noi nun ce stanno neanche in Germania, e se ce dicono che nun siamo moderne, noi ce lo diciamo a loro: ma voi lo tenete nu piezz’e ministre comme o Nicolazzo? E voi tenete Strauss? E noi teniamo Fanfani! E voi la Thatcher? E noi la Boffardi. E voi tenete i nazisti? E noi non li teniamo, perché li facciamo scappare. Però tenimmo a televisione co’ Fava a colori e poi, mo’ tenimme nu fottio ’e liberali. Che bella festa. So’ ffelice, so’ europeo. I’m happy. C’est si bon. Da domani, Bierre vuol dire birra.


Stefano Benni



Nota del WebMaster
GRAZIE A LUCIO LAZZARUOLO PER QUESTO ARTICOLO.