LE RISPOSTE RICEVUTE LUNEDÌ 10 APRILE 2000

Per la serie il dottore risponde...

Ha senso dire cose banali ma in modo fantasioso?
A cosa serve la fantasia se uno non ha niente da dire?
Può aver senso usare la fantasia altrui per far belle le proprie idee insensate?
Perché si prova piacere a inventare cose fantasiose?
Y por finir... esiste il modo per non far ingrassare gli animali domestici?
Fabio

Non esistono cose banali, siamo noi che viviamo banalmente le cose. Inoltre non esiste sulla terra uno che non abbia niente da dire, a eccezione forse di Casini.
E per finir: con gli animali domestici, basta spargere la voce che a Capodanno verrà cucinato il più grasso.

Ha mai pensato di scrivere un libro palindromo? Ed è vero che anagrammando il suo ultimo libro "Spiriti" si può scoprire l'ubicazione esatta del Santo Graal?
Valerio

Anagrammando "Spiriti" si ottiene l'elenco del telefono di Atlantide. Il Graal si ottiene anagrammando "Elianto". Ma dobbiamo far sapere queste cose a tutti?

Non hai una mappa nootica da prestarmi per fuggire su uno dei mondi alterei?
Apprendista diavolessa

Ce l'ho, ma costa cara.

...sono appena giunto dal cinema ove vidi un noto film con jim carrey, so che il mio giudizio cin[e/o]filo è piuttosto opinabile, comunque devo dire che sono rimasto molto toccato (più di quanto lo fossi già) da tutto il lumièràme visto poc'anzi, orsù sono circa le tre e dieci, che fa tredici, hmm... potrebbe essere di buon auspicio se avessi giocato la schedina, vabbè non so nemmeno che partitine ci sono nel campionatino di calciottino, non che mi prema, al limite salta e rimbalza, come una palla con le molle chopin, adesso ne metto il cd e spengo la candela gli dico buonasera e se si offende sono fatti suoi, in fondo se l'è cercata lui, adesso l'ha trovata e se la tiene altrimenti prende un confetto falqui e se basta la parola, mi sa che devo cambiare i pantaloni del pigiama, perché il mio psichiatra è emigrato in armenia?
francesco

Jim Carrey è uno dei pochi grandi attori tragicomici che ci siano nel cinema contemporaneo. Se alludi a "Man on the moon", è un film strano e triste, che ha il merito di riparlare di Kauffmann, un "fuori-di-testa" che a me piaceva molto, e piaceva anche a Belushi.

Volevo tranquillizzarvi tutti.
Non che Dio vi ha lasciati soli dopo la mia morte.
Mi ha detto che un giorno si è ritrovato a cantare "...imagine there's no country, no religion too..." sotto la doccia. Si è commosso e spaventato allo stesso tempo così ci siamo ritrovati in questo posto segreto a cercare una strategia comune per migliorare il mondo.
Good Bye,
John Lennon

Signor Arcangelo Gabriele, dell'Ufficio Stampa Celeste, riconoscerei il Suo stile tra mille. Non si spacci per John Lennon. John ha una canzone segreta come password per comunicare con la terra, e non è "Imagine".