Stefano Benni presenta... Non siamo stato noi - I mostri d’estate

[ Sito “Validato W3C” — Risoluzione 800×600 — Hosting: OVH.it — WebMaster: Fabio Poli — e-mail: info@stefanobenni.it ]

I N D I C E
gli extraterrestri
Tutta la verità sul caso Skappler
Caso Skappler: arrivano gli alpini
I mostri d’estate
Aiuto gli Ufo
Anche per oggi non si vola
La fatina dai celerini turchini
Pianeta proibito
tutto quanto fa spettacolo
La gente bene
A proposito di maiali
Delitto a San Siro
Piccole emozioni
Portoinsvizzera
Vacanze tranquille
questi benedetti giovani
Offerte di lavoro
Okay, okay
Se potessi avere cento punti al mese
Radio libera
Prima della riforma
Trovar casa a Bologna
Qualche appunto per un decennale
culturame
È morto Cimoni
Diario di un intellettuale
Una lezione di Berto
Finansa maledetta
Vademecum Di Bella
La maturità di Francesconi
sui massimi sistemi
Amnesy International
Il tempo, il tempo
Facciamo un altro disoccupato
Caro Enrico
Telegrammi
Frasi celebri
Sacrilegio nella santa stalla
alla guerra come alla guerra
Oh, quante belle teste
Oktoberfest
Il computer
Piove
Stato di primavera
forza italia
Forza azzurri
I misteri della fede
Ultime notizie dall’Italia
Era il migliore di tutti noi
Portofino. L’avvocato Giovanni Agnelli, presidente della Fiat, è stato ucciso per un tragico equivoco da una pattuglia di carabinieri che lo aveva fermato per un normale controllo. Il fatto è avvenuto ieri verso le 17 sulla strada panoramica che porta a Portofino.
Due carabinieri, gli appuntati Giuseppe Scivolo e Antonio Inciampai, di servizio su una pantera a metano, avevano l’ordine di controllare le macchine e le persone sospette. I carabinieri hanno cominciato a fermare le Mercedes a bordo delle quali si trovassero persone brizzolate e con cravatta. Verso le 17,30 è giunto l’avvocato Agnelli sulla sua Mercedes blu notte, con televisione, radiotelefono e terrazza sul mare. I carabinieri lo hanno fermato e fatto scendere bruscamente, puntandogli contro i mitra. L’avvocato ha subito portato la mano all’interno della giacca per estrarre la tessera del Rotary. I due carabinieri, credendo che Agnelli stesse per estrarre un revolver, gli hanno sparato duecentoquindici colpi di mitra nella pancia a scopo intimidatorio. L’avvocato, notevolmente intimidito, ha dato prova dell’abituale fair-play dicendo, prima di stramazzare morto: «In fondo fate il vostro dovere». I due carabinieri hanno chiesto scusa in inglese. E’ il trentaduesimo industriale ucciso dalle forze dell’ordine quest’anno.

Roma. Il giudice Bruno Pavaranotti, che conduce l’inchiesta sui fatti del giorno, ha rivelato che, a suo parere, esistono le prove di un vasto discorso che collega tra loro gli esponenti della Democrazia cristiana e alcuni capitalisti e fascisti. Il «complotto» sarebbe provato da alcune lettere di raccomandazione e ricevute di assegni di onorevoli democristiani.
Secondo Pavaranotti, esistono legami tra la DC, la mafia, le banche, gli enti pubblici e i servizi segreti. Secondo il giudice, Andreotti e Miceli si conoscono (la prova sarebbe in una fotografia scattata in un locale notturno), e a sua volta Miceli avrebbe avuto contatti con uno che va nello stesso bar di Maletti, il quale avrebbe spesso parlato al telefono con la moglie del sarto di Fanfani.
Gli interessati hanno smentito tutto «E’ ridicolo parlare di complotto» ha detto Fanfani «conosco Andreotti e Miceli di nome, e li ho qualche volta salutati al bar di Montecitorio. Tutto qui, il giudice cerchi altrove le cause del malessere italiano».

Estate, tempo di mostri. In Marsica un contadino ha detto di aver visto un enorme serpente giallo e nero mangiargli il cane in un boccone. Sull’appennino parmense si sta dando la caccia a un grosso puma che ha sbranato quattro vitelli. Al largo della Nuova Zelanda una nave giapponese ha trovato i resti di un plesiosauro, animale antidiluviano di quattro tonnellate.
A Bologna alcuni cittadini hanno denunciato alla questura di aver visto un gigantesco studente, alto tre metri e ottanta, con baffi e barba che portava sottobraccio un «Lotta continua» grande come un lenzuolo matrimoniale. Lo studentone è entrato in un bar del centro, ha spazzato il bancone con una zampata, ha urlato sloganoni gutturali e infine ha lanciato contro il comune una molotov ricavata da una damigiana d’olio. Squadre di volontari battono ora la città palmo per palmo.
Si presume che lo studentone (per alcuni un autonomo cresciuto a dismisura per aver mangiato troppi prosciutti del Cantoncino, per altri un esemplare di Potop, sopravvissuto alla glaciazione del ’68, per altri un pupazzo meccanico telecomandato dalla Cecoslovacchia) si sia rifugiato in un appartamento per studenti. Data la numerosità e la sterminata vastità dei locali, sarà difficile trovarlo.

Al momento di andare in macchina, si apprende che il mistero del plesiosauro giapponese è stato svelato. Nel vedere la fotografia sul giornale il senatore Medici ha urlato «ma questo è Wolf» e ha riconosciuto nell’animale il fedele compagno di giochi della sua infanzia. Per dimostrarlo, ha presentato all’ambasciata orientale una foto che lo ritrae, a tre anni, a cavallo dell’animale. I resti del plesiosauro, imbarcati su un aereo, giungeranno domattina a Roma ove verranno tumulati nel cortile della Montedison.