Stefano Benni presenta... Non siamo stato noi - La fatina dai celerini turchini

[ Sito “Validato W3C” — Risoluzione 800×600 — Hosting: OVH.it — WebMaster: Fabio Poli — e-mail: info@stefanobenni.it ]

I N D I C E
gli extraterrestri
Tutta la verità sul caso Skappler
Caso Skappler: arrivano gli alpini
I mostri d’estate
Aiuto gli Ufo
Anche per oggi non si vola
La fatina dai celerini turchini
Pianeta proibito
tutto quanto fa spettacolo
La gente bene
A proposito di maiali
Delitto a San Siro
Piccole emozioni
Portoinsvizzera
Vacanze tranquille
questi benedetti giovani
Offerte di lavoro
Okay, okay
Se potessi avere cento punti al mese
Radio libera
Prima della riforma
Trovar casa a Bologna
Qualche appunto per un decennale
culturame
È morto Cimoni
Diario di un intellettuale
Una lezione di Berto
Finansa maledetta
Vademecum Di Bella
La maturità di Francesconi
sui massimi sistemi
Amnesy International
Il tempo, il tempo
Facciamo un altro disoccupato
Caro Enrico
Telegrammi
Frasi celebri
Sacrilegio nella santa stalla
alla guerra come alla guerra
Oh, quante belle teste
Oktoberfest
Il computer
Piove
Stato di primavera
forza italia
Forza azzurri
I misteri della fede
Ultime notizie dall’Italia
Era il migliore di tutti noi
Ultime notizie da Bologna, la città diversa. Viva preoccupazione ha suscitato la dichiarazione di Giorgio Bocca che i giovani hanno ormai rovinato anche la vecchia cucina bolognese. Numerosi cittadini si sono detti pronti a testimoniare di aver visto più volte, ai tavoli del ristorante Cesarina, gruppi di teppisti che condivano i tortellini con cucchiaiate di cacao. Alla mensa universitaria il caviale non è più quello di una volta. Da Luciano un turista inglese ha trovato due sampietrini nel brodo. La settimana scorsa un pacifico zampone modenese, che passeggiava in piazza Scaravilli, è stato aggredito da un gruppo di autonomi, percosso e bollito nella coca cola.

Chi arriva e chi parte. Arriva il «Giornale» di Montanelli, che bilancerà a destra il «Carlino» ormai portato su posizioni di estrema sinistra dal suo direttore Franco Di Bella, detto Franco di bella c’è solo la polizia. Arriva il Living Theatre, per fare animazione nelle strade. Gli attori americani rappresenteranno una simbolica ricostruzione delle cariche della polizia all’università di Berkeley. Uno spettacolo insolito per Bologna, che probabilmente causerà uno shock negli spettatori.

Momenti di panico quando ai vigili del fuoco è arrivato l’ordine «scatenate gli studenti in piazza.». I VVFF hanno fatto presente di non avere corpi speciali e di non essere disposti alla bisogna. L’equivoco è stato subito chiarito: si trattava di tagliare le catene agli studenti, perché incatenati alle colonne «deturpavano il monumento». E’ già stata inoltrata alla sovraintendenza di belle arti una domanda per far dichiarare Bologna monumento nazionale. Così tutti quelli che deturpano, valigia e via.

Rappresentazione per bambini in piazza Maggiore. E’ stata rappresentata Cenerentola. E’ la fiaba di un movimento che ottiene il permesso di stare in piazza fino a mezzanotte. Ma, dice la fatina dai celerini turchini, a mezzanotte tutte le zucche si trasformeranno in gipponi, i topini in carabinieri e sarà meglio sgombrare in fretta. La poverina, rapita nell’estasi del momento, indugia oltre dieci minuti e viene caricata. Fugge lasciando sul terreno quarantadue scarpe da ginnastica, attualmente al vaglio degli inquirenti.
Vi abbiamo trasmesso le ultime notizie da Bologna, la città così diversa che nessuno la riconosce più.