Stefano Benni presenta... Non siamo stato noi - La gente bene

[ Sito “Validato W3C” — Risoluzione 800×600 — Hosting: OVH.it — WebMaster: Fabio Poli — e-mail: info@stefanobenni.it ]

I N D I C E
gli extraterrestri
Tutta la verità sul caso Skappler
Caso Skappler: arrivano gli alpini
I mostri d’estate
Aiuto gli Ufo
Anche per oggi non si vola
La fatina dai celerini turchini
Pianeta proibito
tutto quanto fa spettacolo
La gente bene
A proposito di maiali
Delitto a San Siro
Piccole emozioni
Portoinsvizzera
Vacanze tranquille
questi benedetti giovani
Offerte di lavoro
Okay, okay
Se potessi avere cento punti al mese
Radio libera
Prima della riforma
Trovar casa a Bologna
Qualche appunto per un decennale
culturame
È morto Cimoni
Diario di un intellettuale
Una lezione di Berto
Finansa maledetta
Vademecum Di Bella
La maturità di Francesconi
sui massimi sistemi
Amnesy International
Il tempo, il tempo
Facciamo un altro disoccupato
Caro Enrico
Telegrammi
Frasi celebri
Sacrilegio nella santa stalla
alla guerra come alla guerra
Oh, quante belle teste
Oktoberfest
Il computer
Piove
Stato di primavera
forza italia
Forza azzurri
I misteri della fede
Ultime notizie dall’Italia
Era il migliore di tutti noi
Pubblichiamo integralmente il volantino distribuito per la festa in onore del cardinale Lefebvre a casa Pallavicini-Rospigliosi.

Per la prima volta in Italia! Dalla Francia in esclusiva per la stagione 1977, l’attrazione internazionale dell’anno.
Il cardinal Lefebvre e la sua troupe di nobili.
Vedrete!:
Il cardinal Lefebvre e la sua famosa omelia in latino, col triplo anatema.
La principessa Elvina Pallavicini-Rospigliosi e i suoi barboncini moderati.
Il conte Astrone Azzoni Avogadro con la contessa Maggioranza Azzoni Bovarini e il loro numero di levrieri afgani, giaguari sudamericani e camerieri somali.
Il principe Malvezzi Campeggi e il cugino Malvezzi Campeggi Paramilitari.
Virginia e Nerone Sforza Ruspoli (detti semplicemente Ruspoli perché non è che poi si sforzino troppo).
Don Scantaburlo, cappellano di guerra.
La principessa Sennuccia Boncompagni-Ludovisi, la sorella Anna Boncompagni-Ludovisi-Sarazani, il fratello Ruffo Boncompagni-Ludovisi-Sarazani-Cuccureddu-Facchetti-Sala-Causio-Antognoni-Rospigliosi-Torlonia-Bettega.
L’abate Ducaud-Bouget di Saint-Nicolas du Chardonnet e i suoi formaggi col sapore d’una volta.
L’ambasciatore Marcello Del Drago, il marchese Roberto Lucifero, l’ex federale fascista Loffredo Caetani Lovatelli, Gil il parrucchiere delle dive, Roland l’architetto delle dive, Cecconi l’idraulico delle dive.
Elsa Martinelli e Willi Rizzo.
Il principe Titta Matteo Spavaldo Irsuto Bombardieri De’ Lollis con il fratello Benitone Ercole Benetti Selvaggio Scattante Bombardieri De’ Lollis, la vecchia principessa Catacomba Bombardieri De’ Lollis e i nonni generali Almuro e Severomagiusto in alta uniforme con sciabola spadino medaglie alamari cordone orca ho dimenticato ancora il portafoglio.
I cavalieri del Santo Sepolcro, gli arditi della Rosa Bianca, il Rotary di Molinella, Alleanza cattolica, Comunione e Liberazione, Comunione e Deformazione, Civiltà cristiana.
Il playboy Anteno Caetani Dell’Aquila Aragona.
La squadra di polo del Polo Club Acquacetosa, dove intelligenza e forza si sposano in un felice connubio (la mazza la tengono i cavalli).
Il principe Catarro Fleboclisi De’ Antibiotici con la principessa Colica e il gruppo lombardo di Gotta continua.
Il conte Strazzacappa e il suo parco di 20.000 metri quadri.
La contessa Marta de Champagne Ruspoli (annata 1884) e il suo dobermann Pinot.
L’onorevole Amintore Cortone Fanfani de’ Piccolomini, l’onorevole Luigi Rossi di Montelera con la moglie Oliva Martini.
Lo scià di Persia e la sua troupe di torturatori.
Dalla Germania, la contessa Elisabeth Gerstner e il conte Berufsverbot Sachs von Opel.
Vittorio Emanitele di Savoia nel suo numero di alta noia.
La squadra speciale della Questura di Roma in smoking.
La duchessa Rendita, il duca Usufrutto, la duchessina Ottorina Cortina Portofina Della Vacanza colta dall’obiettivo del fotografo col suo ultimo accompagnatore.
Entrata a invito. Si prega di non entrare nel palazzo con le biciclette.