Stefano Benni presenta... Non siamo stato noi - Delitto a San Siro

[ Sito “Validato W3C” — Risoluzione 800×600 — Hosting: OVH.it — WebMaster: Fabio Poli — e-mail: info@stefanobenni.it ]

I N D I C E
gli extraterrestri
Tutta la verità sul caso Skappler
Caso Skappler: arrivano gli alpini
I mostri d’estate
Aiuto gli Ufo
Anche per oggi non si vola
La fatina dai celerini turchini
Pianeta proibito
tutto quanto fa spettacolo
La gente bene
A proposito di maiali
Delitto a San Siro
Piccole emozioni
Portoinsvizzera
Vacanze tranquille
questi benedetti giovani
Offerte di lavoro
Okay, okay
Se potessi avere cento punti al mese
Radio libera
Prima della riforma
Trovar casa a Bologna
Qualche appunto per un decennale
culturame
È morto Cimoni
Diario di un intellettuale
Una lezione di Berto
Finansa maledetta
Vademecum Di Bella
La maturità di Francesconi
sui massimi sistemi
Amnesy International
Il tempo, il tempo
Facciamo un altro disoccupato
Caro Enrico
Telegrammi
Frasi celebri
Sacrilegio nella santa stalla
alla guerra come alla guerra
Oh, quante belle teste
Oktoberfest
Il computer
Piove
Stato di primavera
forza italia
Forza azzurri
I misteri della fede
Ultime notizie dall’Italia
Era il migliore di tutti noi
Al signor colonnello Marcello Scaffidi, comandante nucleo carabinieri Milano nord.

Oggetto: denuncia di reato
In data odierna, 5-2-1977, comunico quanto segue per i provvedimenti di Sua competenza:
Il sottoscritto, brigadiere carabiniere Arnuzzo Sante, trovavasi in data di ieri in servizio d’ordine interno, assieme all’appuntato Lucidi Giuseppe, allo stadio di San Siro, mentre su detto campo era in corso un incontro di calcio divisione nazionale serie A tra le squadre denominate Milan e Juventus.
Circa al 34’ del secondo tempo, l’appuntato Lucidi mi faceva notare un giocatore del Milan, tale Maldera Aldo, nato a Saronno il 17-7-1948, di professione terzino sinistro, il quale si aggirava con fare sospetto nei pressi della linea di fallo laterale, con l’aria di aspettare qualcosa.
Pochi istanti dopo sopraggiungeva dalla parte opposta del campo Anastasi Pietro, nato a Palermo il 22-6-1950, di professione centravanti della grande Juventus. L’Anastasi faceva pacificamente procedere davanti a sé, sospingendolo con piccoli colpi del piede, un pallone di cuoio a spicchi bianchi e neri del valore commerciale di lire novemila circa. Il detto Maldera, improvvisamente, gli si portava incontro e con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso colpiva col piede destro ambedue le caviglie e un ginocchio dell’Anastasi, con l’evidente intento di derubarlo del pallone, il che infatti avveniva.
Il Maldera fuggiva poi verso centrocampo, dove l’attendeva un complice, identificato in tale Gianni Rivera, di professione mezz’ala sinistra (prego tenere presente la collocazione politica dei due), al quale il Maldera passava la refurtiva. L’Anastasi rimaneva intanto ferito a terra, e negli spogliatoi gli veniva riscontrato un ematoma diffuso all’arto inferiore destro con lacerazione traumatica del tessuto epiteliale.
Segnalo inoltre che, testimone del fatto era un certo signor Lo Bello Concetto, di professione arbitro, il quale bene si guardava dall’intervenire fischiando il rigore, malgrado la vile aggressione fosse avvenuta proprio sotto i suoi occhi, e faceva proseguire il gioco.
Chiedo quindi l’emissione di mandati di cattura per le seguenti persone in merito ai seguenti reati:
Maldera Aldo: per furto con destrezza, rapina aggravata, lesioni personali.
Rivera Gianni: ricettazione, incauto acquisto.
Squadra del Milan F.C.: associazione a delinquere.
Lo Bello Concetto: complicità in associazione a delinquere, omissione di atti di ufficio.
Chiedo inoltre se può essere Sua facoltà assegnare la vittoria alla Juventus per uno a zero, secondo giustizia.

In fede
Brigadiere Sante Arnuzzo, matricola 0784